Assolavoro: siglato il primo accordo europeo per il sostegno dei soggetti rifugiati e per i lavoratori somministrati ospitanti

In data 09 aprile 2022, ASSOLAVORO e i sindacati di categoria NIDIL CGIL, FELSA CISL e UILTEMP, in attuazione del D.lgs. n. 251/2007 e della Decisione 2022/382 del Consiglio dell’Unione Europea, hanno sottoscritto un accordo, volto alla promozione di una serie di azioni finalizzate ad agevolare l’accoglienza, l’inclusione e l’inserimento sociale e lavorativo dei titolari di protezione internazionale, protezione temporanea e protezione speciale.

Gli obiettivi dell’intesa sono i seguenti:

  • attivare percorsi formativi per facilitare le transizioni lavorative dei soggetti rifugiati, così da ridurre il c.d. mismatch di competenze;
  • fornire un sostegno immediato all’autosufficienza dei rifugiati al fine di supportare la loro inclusione sociale nel territorio dello Stato italiano;
  • supportare i lavoratori somministrati che adottano iniziative di accoglienza nei confronti dei rifugiati.

In particolare, l’accordo prevede:

  • l’attivazione, a seguito di una specifica attività di Bilancio di Competenze, di due percorsi formativi: una FORMAZIONE BASE DI “LINGUA ITALIANA” E DI “CULTURA ED EDUCAZIONE CIVICA” e una FORMAZIONE PROFESSIONALE, con riconoscimento di certificato di attestazione di partecipazione, di una indennità di frequenza pari ad € 3,50/h, e di un rimborso delle spese sostenute per vitto, alloggio e trasporto;
  • l’erogazione di una INDENNITÀ “UNA TANTUM”, variabile da € 1.000 a € 1.500, riconosciuta per il tramite di Ebitemp, per i soggetti rifugiati che portano a conclusioni i percorsi formativi di cui sopra e per i lavoratori somministrati che ospitano i soggetti rifugiati;
  • l’erogazione di ulteriori prestazioni agevolate erogate da Ebitemp, tra le quali un CONTRIBUTO ASILO NIDO; un SOSTEGNO ALL’ISTRUZIONE (materiale didattico e libri, studenti lavoratori, retta universitaria studenti lavoratori); un RIMBORSO ASSISTENZA PSICOLOGICA; nel limite massimo di € 200 ad assistito, delle spese sostenute per sé o per i propri familiari fino al 2° grado di parentela/affinità; un RIMBORSO ACQUISTO BENI PRIMA NECESSITÀ BEBÈ, ovvero per coloro che abbiano sostenuto spese per l’acquisto di beni necessari alla cura del proprio figlio fino a 3 anni di età (es. passeggino, fasciatoio, culla, omogeneizzati, ecc.), riconosciuto per ciascun figlio nel limite massimo di € 800.

Per l’attuazione del suddetto accordo, sono state stanziate risorse fino a 45 milioni di Euro, di cui 3 milioni di Euro da impiegare per il Bilancio delle competenze e per la formazione base di lingua e cultura italiana, 37 milioni di Euro per la formazione professionale, e 5 milioni di Euro per le prestazioni erogate da Ebitemp.

L’Accordo, avente natura sperimentale sino al 31 ottobre 2022, ha previsto la statuizione di una Cabina di Regia, formata dalle stesse Parti firmatarie, avente l’obbligo di monitorare l’andamento di quanto convenuto, nonché la possibilità, in caso di esaurimento dei fondi, di valutare un rifinanziamento delle misure.

Fonti:

https://assolavoro.eu

Share:

Comments are closed.